poliamore, poligamia, polyamore

nella suite ci dormo io (o: delle cose che sono in continua evoluzione)

“la suite consiste in una serie di privilegi, precedenze e diritti che possiede una persona che frequento rispetto alle altre, ottenuta grazie al ruolo più rilevante o consistente che riveste questa persona nella mia vita sentimentale, rispetto a tutti gli altri/e.”

“suite” è un termine che ho coniato nella mia prima vera esperienza poliamorosa. coniato io o Lui, l’intestatario della suite, non ricordo con precisione, ma non importa molto. in una delle pareti c’è e rimarrà sempre la targa “in memoria di”.
perchè l’abbiamo coniata? non lo so. forse perchè avevamo paura. forse perchè avevamo bisogno di sicurezza, forse perchè era REALMENTE così. forse sì…. quella cazzo di suite esisteva. “il cuore ha più stanze di un bordello, ma io ho la suite” questo era ciò che ci ripetavamo. delirante o sensato che questo vi appaia, non importa. per un po’ ha funzionato. ed era anche un discreto equilibrio, sensatamente stabile e piacevolmente efficiente. forse, traeva ispirazione dall’unica coppia poligama che avevamo sotto gli occhi allora e che vive esattametne così: un rapporto primario attorno a cui orbitano manciate di altre “scappatelle” (passatemi il termine, demoniacamente impreciso ma assolutamente efficace). forse. o forse è quello che eravamo assieme o che avevamo bisogno di essere assieme. una coppia. contro tutto e tutti.

parlo al passato. me ne sono accorta. oggi, nella suite ci dormo io. e “io” è l’unica persona a cui dedico quelle speciali attenzioni e diritti e privilegi. come: mettere sempre al primo posto la sua felicità, chiedere sempre il suo parere prima di fare qualsiasi scelta che potrebbe coinvolgerla. darle sempre la precedenza, su tutto e du tutti. costruire progetti solidi e conclamati per il futuro solo con questa persona. concederle il diritto di veto o di esclusiva.
ebbene, ad oggi, questa persona sono IO. e inizio forse anche un po’ a pensare che questa della suite sia stata solo uno stadio, una tappa nella evoluzione, una situazione non stabile e incline al mutamento e che in realtà tutte le storie che la attraversano siano poi inclini al cambiamento. già. lo stadio “suite”. in cui ti illudi di avere il controllo della situazione e di non essere in pericolo, mai. si può dire che questo stadio sia un po’ una via di mezzo tra la monogamia e la poligamia. è una poligamia molto controllata. una monogamia un po’ aperta. come quelle coppie in cui lui va a puttane tutti i mercoledì sera dopo il calcetto e lei chiude un occhio, anzi forse anche un po’ le piace l’idea e a nessuno dei due verrebbe mai in mente di cambiare nulla.

ebbene. ad oggi a me piace l’idea di essere libera. padrona di me stessa. in grado di muovermi nella direzione in cui desidero farlo. sembrerà assurdo a molti, ma all’improvviso è come se il concetto di coppia aperta mi stesse stretto. perchè parlare di COPPIA, se in realtà il termine definisce una relazione che intercorre tra molti? era una cosa che ha fatto impazzire un mio ex, per tutto il tempo in cui ha provato a capire me ed il mio modo di vedere le cose: se tu scopi con tutti, cosa differenzia me da tutti gli altri? ebbene. spesso le differenze si vedono, si sentono e si toccano con mano. questo è innegabile: la coppia C’E’ e poi ci sono tutti gli altri. ma forse a volte queste coppie nel tempo si trasformano. mutano. cambiano direzione. spesso in maniera imprevedibile. e non puoi davvero essere SICURO come volevi essere quando hai definito il tuo concetto di “coppia” e quello di “libertà”.

e allora forse il segreto è semplicemente godersi tutto ciò che succede, senza per forza aggrapparsi al concetto di PER SEMPRE. le cose cambiano. tutto scorre. panta rei, mi dicevano al liceo. e mai come in questo momento comprendo a pieno il significato di queste 8 lettere. pretendere di stare fermi immobili, ancorati alle proprie posizioni, quando tutto attorno a noi è corrente e acqua che spinge è non solo faticoso ma anche dannatamente assurdo ed inusuale. senza contare che quel che non si sposta prima o poi si piega. se non anche si spezza. quanto meno SI CONSUMA.

forse era nel corso naturale delle cose, quindi, questo cambiamento. questa evoluzione. o forse sto solo spostando la mia suite in un altro albergo ed ho cambiato locatore. in fondo, non lo posso davvero sapere. non adesso. non in anticipo, no, purtroppo e per fortuna non si può.

auguratemi buona fortuna.

Annunci
Standard

2 thoughts on “nella suite ci dormo io (o: delle cose che sono in continua evoluzione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...