sesso

Norrie May Welby [Nato neutro]

già li sento, i mormorii dei nonni. “‘ara mo’ stu’ ca’ chì”. Norrie May Welby nato uomo. operato donna. operato neutro. non si identifica con nessuno dei due sessi. “segnare donna sulla carta d’identità era dichiarare il falso. segnare uomo era evidentemente non veritiero. norrie è il primo essere umano NEUTRO della storia.

e forse se ne sarà andato a letto con il sorriso soddisfatto di chi ha ottenuto ciò che cercava. e la consapevolezza stretta tra le braccia di essere un pioniere. e non importa se subirà una vita d’inferno, perchè ogni volta che esibirà un documento dovrà per forza spiegare. perchè comunque quel sesso non indicato trasparirà da ogni suo poro. perchè l’androgino anarchico è bella come definizione, ma ci deve volere un bello strato di pelo sullo stomaco per sopportarla nella quotidianità dei fatti. vorrei parlargli o scrivergli. mi piacerebbe sapere, dentro, come funziona. la sua testa. il suo modo di vedere le cose.

ma già li sento, i mormorii dei nonni. penso alla mia di nonna, l’unica che mi rimane. mia nonna si è sposata ragazzina ed ha avuto solo un uomo. mio nonno, che l’ha messa incinta tre volte e poi l’ha lasciata. mia nonna, che ha dovuto tirare su tre figli da sola e che da ragazzina si faceva 30 chilometri ogni mattina alle 5 per andare a lavorare in campagna, non credo che potrebbe mai mettere in discussione la chiara differenza che corre tra i due sessi. nella mia famiglia, da qualche parte, c’è un gene perverso. mi chiedo se venga da lei o da mio nonno, che in fondo in fondo è morto tra le braccia dell’amante, soddisfatto e felice. mi chiedo se mia nonna abbia mai spiato sotto le gonne delle mondine che raccoglievano il riso, come faccio io con le donne che mi sfilano davanti. o se per lei sia tutto estremamente chiaro. binario. o bianco o nero. o femmina o maschio. forse ha ragione una persona che mi dice che sono troppo binaria nei miei ragionamenti e che la dovrei smettere. io sono quella delle verità assolute o del torto marcio, senza vie di mezzo. beh. forse è vero. ma non vedo come potrei cambiare.

il mondo è a due colori. bianco. e nero. la gente si schiera sempre. a favore. o contro. o è come te, o non lo è. costringo l’interpretazione del mondo in una direzione, ma è solo una quetsione di retorica. certo, che esiste una casistica infinita di relazioni sessuali. certo, che esistono mille sfumature di ciò che è morale e ciò che è illegale. ma una linea, una linea la dobbiamo sempre tracciare.

Norrie May Welby si è seduto sulla linea. e ha rifiutato serenamente di schierarsi di qua o di là. nessuno dei due lati lo interessava davvero. in nessuno si riconosceva. e, come tante volte ho fatto io, si è chiesto PERCHE’ SCEGLIERE. posso avere entrambe le cose? posso non averne nemmeno una? ebbene, allora lo farò.

Norrie May Welby è il primo essere umano sulla terra ad essere di sesso neutro. come lo spiegherà ai suoi figli, non lo so. se mai ne avrà. esisterà la adozione per i “sessi neutri”? io non credo. non esiste per i gay. non esiste per i single. cazzo. vogliamo dare un figlio in mano a uno spostato mentale che non sa nemmeno in quale delle due metà del mondo si trova? beh. forse dovremmo cominciare. sì. mi sono sempre chiesta cosa ne sarebbe di un bambino la cui identità sessuale non venisse mai indirizzata nè plasmata, in alcun modo. sempre che questa cosa sia possibile. innanzitutto bisognerebbe scegliere un colore. il colore del neutro. perchè rosa sono le femminucce. blu i maschietti. che ne dite di un bel verde smeraldo? verde speranza. o forse è meglio giallo limone? aspro e tagliente? non saprei. che colore ha il neutro? forse dovremmo scegliere un viola, che è la linea di mezzo tra il rosso-arancio dell’acido e il blu-verde della base. non ne ho idea. ma scelto un colore, dovremmo anche rivoluzionare completamente l’uso della lingua. in australia si parla inglese. Norrie May Welby è di sesso neutro. per questo ci si rivolgerà a lui/lei con un “it” per non dover scegliere tra “he” e “she”? e se venisse in italia, dovremmo parlare di l*i inventandoci un suono per gli asterisci che dovremmo mettere alla fine degli aggettivi che descrivano la sua identità sessuale?sipotrebbe fare. in fondo la realtà non è dicotomica, mi dicono. esistono omosessuali, eterosessuali e bisessuali. esistono maschi, femmine, trans, trav, neutri. esistono santi, pervertiti, maiali, vanilla. un guazzabuglio di colori. eppure, fino ad oggi non ci eravamo mai posti il problema dei due sessi. nel senso, che avevamo iniziato a prendere in considerazione il problema del cambio tra i due sessi. ma non che ne esistesse un terzo, che si esprime nel punto in cui sono assenti entrambi gli altri. o presenti entrambi gli altri, che non cambia affatto il risultato. quali altri problemi quotidiani affronterà il nostro norrie? già penso alla legge italiana sui matrimoni. cazzo. quale sesso dovremo tenere in considerazione? quello crosomico, quello fisiologico o quello mentale? forse dovremmo smettere di decidere chi si può sposare e chi non può. ma già li sento, i mormorii dei nonni. “‘ara mo’ stu’ ca’ chì….”. non è ne maschio nè femmina, come si fa a non saperlo?
no, dico. come si fa piuttosto a NON PENSARCI. da sempre, ci nascondiamo dietro le cose. il matrimonio. la fedeltà. la fiducia. e questa volta è la distinzione tra i sessi. qualcuno, vi sento, sta dicendo “ma è una cosa naturale! o sei maschio o sei femmina”. in realtà, no. in realtà, anche in natura, esistono variabili infinite……. ebbene. lo ammettiamo per gli animali, non lo ammettiamo per gli uomini? la dicotomia maschio/femmina è una questione terminologica e ideale, ha ragione norrie. ma essere fisicamente maschio non dipende dalla 23esima coppia di cromosomi in maniera logica e lineare. quanti maschi conoscete con tratti femminei? quanti ermafroditi che non sapete che lo siano? quante donne che hanno le fattezze e i caratteri sessuali secondari di un uomo, baffi e caratteraccio compresi?

la linea su cui è seduto norrie non è reale. abbiamo creato un terzo spazio. perciò. GRAZIE, Norrie.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...